Stampa

Gianluca Merola

Quasi 24 ore di treno in due giorni, ma l'accoglienza ricevuta le ha ripagate tutte, fino all'ultima. Non mi piace sviolinare, ma mi piace l'idea di poter ringraziare pubblicamente tutte quelle persone che ho incontrato ad Alia.In particolare Ezio Iovino e tutti quelli dell'associazione culturale La Fucina;


Saba Anglana perché sprizza luce;
Giorgia Cardaci perché legge le cose meglio di quanto uno le scriva;
Silvia Noli perché fa ridere.
A Luca Saltini un in bocca al lupo per tutto quello che verrà.


Infine un grazie se lo becca Carlo Ziviello di Ad est dell'Equatore per aver puntato su Dio Taglia 60.

di Gianluca Merola

autore di "Dio taglia 60", finalista del Premio letterario Grotte della Gurfa

 

 

Media partner della Fucina