arrow
arrow

Cerca

Tutto il meglio è già qui

Copertina libro

Utenti online

Abbiamo 34 visitatori e nessun utente online

Share


Gian Mauro Costa 2

Gian Mauro Costa, giornalista, scrittore e regista, è nato e vive a Palermo. Attualmente lavora alla redazione della Rai. La sua è una delle voci più popolari della radio. E' stato cronista di nera al giornale "L'Ora" di Palermo, responsabile delle pagine di spettacolo e cultura, corrispondente de "Il Manifesto", collaboratore fisso di "Linus" e di testate nazionali e internazionali.
Come regista ha firmato documentari, reportage televisivi e fiction. Due suoi video hanno vinto il "Sole blu" al Festival Internazionale Teatro Televisione Video di Riccione.
Ha pubblicato per Sellerio i romanzi "Yesterday", "Il libro di legno" e "Festa di piazza" e alcuni racconti nelle antologie Natale in giallo, Capodanno in giallo e Ferragosto in giallo.

 

 

 

 

 

Enzo Baiamonte, cinquantenne radiotecnico che per arrotondare aiuta un avvocato a trovare oggetti e persone, si trova alle prese conIl libro di legno uno strano incarico: il recupero di cinque libri che un defunto professore bibliofilo ha dato in prestito. La candida investigazione si complica però in un giallo sulla cosiddetta zona grigia.

Il professor Mirabella, stimato docente palermitano, è morto lasciando una biblioteca ricca di volumi; ornamento della grande casa e ricordo per gli eredi, se non fosse per una piccolissima pecca: dei libri mancanti, dati in prestito a persone diverse. Il metodico studioso li aveva rimpiazzati temporaneamente, colmando gli spazi vuoti con dei sostituti di legno, etichettati con titolo data del prestito e destinatario. Per sanare la lacuna, Cristina, la bella figlia maritata con un noto luminare, della più distinta società cittadina, si rivolge a un nessuno. È Enzo Baiamonte, cinquantenne dalla vita ordinaria e ritmata di modeste abitudini di quartiere, un radiotecnico che per arrotondare aiuta un avvocato a recuperare oggetti e trovare persone – e talvolta prove di adulteri. Chiamarlo investigatore è troppo, ma Cristina è così affascinante e misteriosa (e anche lei adultera), così poco credibili quegli individui (un costruttore, un prete, il suo aiutante) i quali negano il possesso di un innocente testo di riflessioni devote, che l'indagine parte da sé, sospinta dal puro desiderio di immaginarsi in una vita meno monotona, e scivola dentro al labirinto di specchi in cui il privilegio si incontra con il crimine organizzato. Ciò che Enzo cercava veramente: l'avventura, lo trova, in una serie di ineluttabili peripezie, in una selva di personaggi ciascuno scolpito con rilievo sociologico millimetrico, in una geometria di impercettibili spostamenti che avvitano un'investigazione inesistente, qual è il recupero di un libro di legno, in un giallo sulla cosiddetta zona grigia, che si complica nella cospirazione di una dark lady, inattingibile per una sistematica inchiesta poliziesca. E il modesto trovarobe del delitto trova anche un riscatto che vale per lui e per quelli come lui. Difficile immaginare un personaggio sagomato così bene, come Enzo Baiamonte, per un intrigo imperniato sull'elusività sociale della mafia. Cinquantenne inchiodato nel limbo della giovinezza dall'eterna attesa, artigiano di mente e di costumi costretto a una esistenza nemmeno proletaria, abitante all'Olivuzza, l'ultimo forse quartiere della vera Palermo del secolo scorso, Enzo rispecchia un ritratto sociale tipico e diffuso: la generazione di una microborghesia dall'ascesa sociale bloccata, i traditi della scolarizzazione di massa. E nel suo personaggio di Marlowe palermitano, senza la scorza dura ma con lo stesso disincantato candore e un uguale senso di giustizia naturale, si incide il senso, dietro l'intreccio, che un giallo letterario deve avere. Che è il popolo degli Enzo Baiamonte la vittima propria della mafia e solo da essi muoverà l'intelligenza per batterla.

 

(Presentato ad Alia il 31 agosto 2013)

 

Media partner della Fucina